Chirurgia intima: via l'imbarazzo! | SMC San Babila - Medicina Estetica | Milano
902
post-template-default,single,single-post,postid-902,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,qode_grid_1300,footer_responsive_adv,qode-theme-ver-10.1.1,wpb-js-composer js-comp-ver-5.1,vc_responsive

Chirurgia intima: via l’imbarazzo!

Per molte donne è ancora un pensiero tabù, ma negli ultimi tempi è in crescita il numero di coloro che sceglie di lasciare da parte l’imbarazzo e tornare a vivere – o vivere finalmente – i rapporti intimi con piena soddisfazione e senza alcun disagio psico-fisico grazie alla chirurgia estetica. Negli Stati Uniti questa sotto branca della chirurgia estetica è ormai considerata alla pari delle altre, in Italia sta lentamente, ma progressivamente facendosi largo, in particolare per alcuni interventi.

 

Gli interventi più gettonati

Dopo il parto o con il naturale invecchiamento, i muscoli vaginali si rilassano, rendendo meno piacevole la sessualità. Ecco che con la vaginoplastica è possibile ottenere un ringiovanimento vulvare, così come con la labioplastica è possibile correggere e ridurre le piccole labbra, quando per propria natura dovessero presentarsi troppo grandi o di forma irregolare/sgradevole alla vista. Inoltre, l’area del pube può essere oggetto di liposuzione e si può arrivare anche alla ricostruzione dell’imene.

 

I benefici non solo fisici

Ricorrere a questi interventi ha un obiettivo che va oltre il puro piacere dell’atto meccanico, in quanto acquista una importante valenza estetica, necessaria a restituire agio e autostima alla donna che vi si sottopone. Quello che si prova in questi casi è un disagio non giudicabile, che solo chi vive può valutare sulla base della propria sensibilità, ma anche dello stile di vita. Nulla vieta di scegliere la chirurgia intima anche semplicemente per sentirsi più attraenti e sexy.

 

La chirurgia soft

Un’alternativa alla classica chirurgia con il bisturi è rappresentata dalla radiofrequenza, capace in poche sedute di restituire vigore ed elasticità ai genitali femminili, quando ad esempio vi siano state gravidanze ripetute oppure dei prolassi o ancora si sia soggette a frequenti variazioni di peso. La radiofrequenza è infatti senza dubbio più facilmente ripetibile rispetto a un intervento tra quelli descritti in precedenza. Sono inoltre possibili iniezioni di collagene, acido ialuronico o altro materiale biocompatibile.

 

Una scelta consapevole

E’ importante che la donna sia messa a conoscenza di ciò che potrà ottenere con un intervento di chirurgia intima, senza darle false illusioni e supportandola a livello psicologico in una scelta comunque non facile e che non va presa con leggerezza. La scelta di affidarsi a un chirurgo esperto in questo campo è dunque essenziale per la buona riuscita dell’intervento, un chirurgo che sappia usare le parole giuste e con cui la donna si senta libera di confrontarsi con naturalezza.